lunedì 6 ottobre 2014

Italy Champions Tour, la grande sfida

La Grande Sfida
Venerdì 17 e sabato 18 ottobre l'ATP Champions Tour sbarca in Italia con gl'immortali John McEnroe, Ivan Lendl, Michael Chang e Goran Ivanisevic.

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter - web writer

L'imprevedibilità aerea di Super Mac. I passanti in corso della sfinge (ex-)cecoslovacca. La follia esplosiva degli ace di cavallo pazzo. La tenuta mentale del piccolo grande Michael. C'è aria di grande tennis a Genova e Milano. Venerdì 17  e sabato 18 ottobre l'ATP Champions Tour sbarca nel Belpaese con La grande sfida, mettendo di fronte quattro grandi leggende della racchetta: John McEnroe, Michael Chang, Goran Ivanisevic e Ivan Lendl.

Ai tempi del primo successo sull'erba di Wimbledon, Mac usava ancora una racchetta di legno. Lendl fu il primo campione costruito sul fattore atletico. Ivanisevic diede il via alla strada (deragliata) dello strapotere del servizio. Chang ci ha lasciato in eredità, oltre alla banane rinvigorenti, la convinzione che aldilà dei materiali moderni la tenacia possa ancora far la differenza.

Quattro grandi campioni l'un contro l'altro. Se dei 17 titoli del Grande Slam in campo, 15 se li spartiscono gli ex-numeri 1 Lendl e McEnroe, le singole conquiste degli “altri due”, il Roland Garros di Chang nel 1989 e Wimbledon di Ivanisevic nel 2001 furono alla stregua di autentiche imprese leggendarie.

Il primo s'impose sulla terra parigina ad appena diciassettenne anni battendo Lendl in un epico match di ottavi di finale, quindi spegnendo in finale le velleità del maestro di volo Edberg. Ivanisevic al contrario, ormai a fine carriera ed entrato nel tabellone principale solo grazie a una wild card, diede vita a una impensabile cavalcata che si concluse trionfale dopo cinque set di finale contro l'australiano Pat Rafter.

I sorteggi delle semifinali genovesi hanno messo l'uno di fronte all'altro John McEnroe e Goran Ivanisevic, quindi Ivan Lendl e Michael Chang. Nel corso della loro carriera nel circuito ATP i due mancini hanno incrociato la racchetta in sei occasioni, primo dei quali la finale sul cemento del torneo di Basilea nel 1990. Ad avere la meglio fu il più navigato Mac, ma non senza sudare, anzi. L'americano fu costretto a una faticosa rimonta sotto di due set a zero (67 46), chiudendo 76 63 64.

Goran ebbe modo di rifarsi vincendo i tre confronti successivi sempre in due set, a cominciare proprio dallo stesso anno sull'indoor di Stoccolma dove s'impose agli ottavi di finale con un doppio 64. Nel 1991 invece lo elimina prima ai quarti di New Haven (64 62), poi al 3° turno di Parigi (64 64). John si prende la sospirata rivincita nel '92, quando al 3° turno di Miami (Key Biscayne) batte Ivanisevic 57 75 75. Ultima sfida tra i due, i quarti di finale della Grand Slam Cup di Monaco del '92, dove il croato vince 36 64 62.

La seconda sfida è quanto di più “romantico” ci possa essere nel tennis. Lendl e Chang si sono incontrati sette volte, cinque delle quali (ATP Finals, Cincinnati, New Haven, Long Island e Tokyo indoor) vinte da Ivan sempre per due set a zero. “Il problema” per l'ex-numero 1 del mondo fu che le due uniche sconfitte avvennero nelle partite più importanti, a cominciare da quel'incredibile ottavo di finale del Roland Garros '89.

Lo sconosciuto diciassettenne Michael fu capace di rimontare un doppio passivo di 64, rialzandosi dai crampi e imponendosi con un triplice 63. E se la lezione non fosse bastata, due anni dopo sull'indoor teutonico della Grand Slam Cup, Chang si ritrovò nella medesima situazione di due set sotto (26 46) ma ancora una volta ebbe la forza di riprendere le redini del gioco, annullare un match-point grazie a un passante su una non troppo convinta discesa a rete di Lendl, e chiudere la partita per 64 76 97.

È inutile negarlo. Tutti gli appassionati di tennis vorrebbero vedere la finale tra Ivan e John. Le loro sfide. Il loro reciproco non sopportarsi così veritieramente politically non-correct ha segnato un'epoca. La prima metà degli anni Ottanta è stata una loro competenza. Ivan, re del rosso. Mac, signore incontrastato del verde. Se le sono date a vicenda. Volee da una parte, passanti dall'altra. Senza esclusione di colpi, e lingua. Un'altra epoca. Un altro tennis.

Lendl vs. McEnroe, Forest Hills 1984

il mancino americano John McEnroe in azione nell'ATP Champions Tour
il mancino croato Goran Ivanisevic in azione nell'ATP Champions Tour
l'americano Michael Chang 
il naturalizzato americano Ivan Lendl in azione nell'ATP Champions Tour

2 commenti:

  1. In esclusiva mondiale verrà trasmessa da Super Tennis HD (posizione orbitale 19.2° Est nel bouquet di canali Astra) "La Grande Sfida": C'è anche un concorso: http://www.tifaconastra.it

    RispondiElimina
  2. uao, grandi! Ho appena partecipato... cheers

    RispondiElimina