giovedì 13 febbraio 2014

Jo-Wilfried Tsonga, eccellente perdente

Jo-Wilfried Tsonga agli Australin Open 2014 © C. Dubreuil
È iniziata l’ennesima deludente stagione del talentuoso tennista francese Jo-Wilfried Tsonga, perdente di successo. Cambierà qualcosa nel corso del 2014?

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter – web writer

Dai fasti dell’eterna promessa e possibile primo francese a conquistare un titolo Slam dopo il Roland Garros vinto da Yannick Noah nel 1983, a oggetto del mistero sempre un passo indietro (più di uno) ai veri campioni (Federer, Nadal, Djokovic). Ieri, sul cemento indoor di Rotterdam, l’ennesima prova incolore e prematura uscita dal torneo di Jo-Wilfried Tsonga.

Dieci tornei vinti in carriera e risultati importanti nei Big Four. Due volte semifinalista a Wimbledon nel biennio 2011-12, una volta a Parigi l’anno passato, quindi finalista a Melbourne nel 2008 (ko contro Djokovic) e al Masters londinese di fine anno nel 2011 superato da Federer. Il tennista francese Jo-Wilfried Tsonga è uno splendente gregario. Jo-Wilfried Tsonga è uno dei più forti perdenti in circolazione.

La Francia lo sta aspettando da decenni. Un tennista capace di dominare le classifiche come sapevano fare i Moschettieri Décugis, Gobert, Cochet, Borotra, Lacoste. Non che siano mancati nelle epoche successive tennisti top ten, ma per fare il grande balzo, sedersi in vetta alla classifica ATP e vincere una prova del Grande Slam, ci vuole qualcosa di più dell’estro.

Jo-Wilfried Tsonga, tennista francese classe ’85 originario di Le Mans, alla soglia dei 29 anni può dirsi ancora un campione incompleto. Grandi performance. Partite anche memorabili ma nessun successo nei tornei che fanno la storia del tennis. Un solo trionfo nella categoria ATP World Tour Masters 1000, al BNP Paribas Masters di Parigi-Bercy nell’ormai lontano 2008.

Dopo aver raggiunto la 5° posizione nel febbraio 2012, oggi langue cinque posizioni più giù e il 2014 non è certo cominciato alla grande. Archiviata la semi-esibizione della Hopman Cup, il suo cammino all’Australian Open è stato bruscamente interrotto agli ottavi di finale da Roger Federer che lo ha strapazzato nettamente 63 75 64.

È andata meglio nella sfida di 1° turno di Coppa Davis tra Francia – Australia dove Tsonga prima ha superato in singolare l’ex-numero uno del mondo Lleyton Hewitt 63 62 76, quindi in coppia con Gasquet ha liquidato il doppio Guccione/Hewitt 57 76 62 75  dando così la matematica qualificazione alla propria nazionale. Punteggio finale, Francia batte Australia 5-0.   

Jo-Wilfried è dunque salito in Olanda, a Rotterdam, alla volta dell'ATP 500 ABN AMRO World Tennis Tournament (10-16 febbraio). Vinto in rimonta il match d’esordio contro il modesto tedesco Florian Mayer 46 63 61, la testa di serie n. 5 Jo-Wilfried Tsonga si è arreso senza troppe pretese al croato Marin Cilic (n. 37 ATP), piegato con un doppio 64.

La strada è ancora lunga.

Jo-Wilfried Tsonga in azione agli Australin Open 2014 © C. Dubreuil
Jo-Wilfried Tsonga in azione agli Australin Open 2014 © C. Dubreuil
Coppa Davis 2014, a fianco di Gasquet, Tsonga smasha contro Hewitt/Guccion © sFFT_Ph.Montigny

Nessun commento:

Posta un commento