sabato 30 novembre 2013

Sergi Bruguera, il nuovo coach di Richard Gasquet

Sergi Bruguera © Roland Garros.com
Riuscirà il bicampione del Roland Garros, lo spagnolo Sergi Bruguera, a portare il francese Richard Gasquet a un successo Slam come ha fatto Lendl con Murray?

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter – web writer

Chi meglio di un ex-campione può far cambiare registro a un atleta affermato ma non vittorioso nei momenti decisivi? Andy Murray continuava a collezionare sconfitte nelle finali Slam. Affidatosi alle cure dell'ex-campione Ivan Lendl, nella sua bacheca oggi si possono ammirare i trofei di Wimbledon, US Open e la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra 2012.

Richard Gasquet è uno dei migliori tennisti del cirucuito ATP. Pratica un tennis frizzante e variegato. Attualmente è numero 9 del mondo. In carriera vanta 10 titoli, 3 dei quali conquistati nel 2013: il Qatar ExxonMobil Open (cemento), l'Open Sud de France di Montpellier (cemento indoor) e il Russia Kremlin Cup di Mosca  (cemento indoor).

Richard Gasquet al servizio
Il talentuoso tennista transalpino originario di Béziers ha brillato raramente nelle prove del Grande Slam. All’Australian Open e Roland Garros non è mai andato oltre il 4° turno. A Wimbledon ha centrato la semifinale nel lontano 2007. Infine agli US Open ha raggiunto solo quest’anno la semifinale, fermato dal futuro vincitore Rafael Nadal.

Sergi Bruguera è uno che i piani alti dell’ATP li conosce bene. È stato numero 3 del mondo (nel 1994). Nel biennio 93-94 ha conquistato per due anni consecutivi il Roland Garros, primo dei quali vincendo da sfavorito contro l’allora numero 1 del mondo, l’americano Jim Courier (oggi capitano della nazionale USA di Coppa Davis), in una tiratissima finale terminata 63 in suo favore al quinto set.

La sua specialità? Arrotare, arrotare e arrotare ancora. Uno dei massimi esponenti del diritto in topspin. Ancora a digiuno di tornei ATP nel 1990, il diciannovenne Sergi Bruguera balzò alle cronache quando eliminò al 1° turno del Roland Garros la testa in serie numero 1, lo svedese Stefan Edberg (l’anno prima finalista), imponendosi nettamente 64 62 61.

La sua corsa nel torneo parigino però sarebbe finita nel match successivo, alla cosiddetta "prova del nove". L’esperto giornalista Rino Tommasi era solito chiamare così il match successivo di un outsider, fresco di successo su di un campione, alla sfida con un avversario più modesto ma con gl’inevitabili occhi puntati.

Bruguera trionfa a Parigi
Sergi fallì contro lo svedese Jonas Svensson che gli recuperò uno svantaggio di due set a zero, chiudendo al quinto con un eloquente 60.

L’anno della consacrazione però sarebbe arrivato poco dopo. Nel 1991 conquistò 3 tornei, secondo dei quali il Monte-Carlo Rolex Masters dove in finale superò il 3 volte vincitore di Wimbeldon, il tedesco Boris Becker col punteggio di 57 64 76 76.

Si qualificò in 3 occasioni per l’ATP World Tour Finals. Nel 1993 a Francoforte rimediò tre sconfitte su altrettanti match del Gruppo Artur Ashe contro Pete Sampras, Stefan Edberg e Goran Ivanisveic. Il fatto viene correttamente riportato su Wikipedia in lingua inglese e in modo errato nell’analogo italiano, capace però di riportare la posizione di classifica esatta (4°) del girone.


L’anno seguente, sempre nella stessa città tedesca, perse contro Andre Agassi nel Red Group, quindi si aggiudicò le sfide contro Michael Chang e il connazionale Alberto Berasategui (contro il quale aveva già giocato e vinto la finale del Roland Garros nello stesso anno). La sua corsa si fermò in semifinale contro Becker dove perse 76 46 16.

Un’ultima apparizione nel 1997 (ad Hannover) dove rimediò due sconfitte contro Michael Chang e lo svedese Jonas Bjorkman. Non disputò il terzo match previsto contro Yevgeny Kafelnikov, causa infortunio. Al suo posto scese in campo l’inglese Tim Henman. Ritiratosi nel 2002, il tennista spagnolo ha poi giocato nel Champions Senior Tour.

il tennista francese Richard Gasquet
In carriera Sergi Bruguera vinse 14 tornei in singolare e 3 in doppio. Curiosità: il primo dei successi in coppia fu nel 1990 ad Ambrugo al fianco del futuro vincitore di 4 prove del grande Slam (2 Australian Open e 2 Roland Garros), l’americano Jim Courier opposti alla coppia tedesca Udo Riglewski e Michael Stich, re di Wimbledon 1991.

Ce la farà dunque Richard Gasquet a scrivere il proprio nome sull'albo dei vincitori di una prova del Grande Slam? L’ultimo a riuscirci fu Yannick Noah nel 1983, superando in finale lo svedese Mats Wilander. Da allora la bandiera transalpina è arrivato all’appuntamento finale solo in altre cinque occasioni, ma sempre sconfitta e con appena un solo set conquistato:

• 1988 Roland Garros: Henry Leconte vs Mats Wilander (57 26 16)
• 1993 US Open: Cedric Pioline vs Pete Sampras (46 46 36)
• 1997 Wimbledon: Cedric Pioline vs Pete Sampras (46 26 46)
• 2001 Australian Open: Arnaud Clément vs Andre Agassi (46 26 26)
• 2008 Australian Open: Jo-Wilfried Tsonga vs. Novak Djokovic (64 46 36 67)

Buon lavoro Sergi Bruguera. Dacci dentro Gasquet, e che il tennis vittorioso sia con te.

Nessun commento:

Posta un commento