venerdì 30 marzo 2012

Djokovic, highway to Miami

ATP Miami, Novak Djokovic e David Ferrer © Sony Ericsson Open   
Senza nulla voler togliere a Juan Monaco, in finale ci si aspetta Novak Djokovic. Il problema semmai è capire chi ci sarà dall’altra parte della rete. Sarà la riedizione della finale 2011 quando il tennista serbo piegò Rafael Nadal, o quella del 2009 quando a imporsi fu Andy Murray su Djoko? Previsioni a parte, oggi va in scena la semifinale più attesa. Quella tra Nadal e Murray. Per lo scozzese il discorso si sta facendo monotono. Parte bene, poi arriva fino a un certo punto. Grandi partite e cocenti sconfitte. Il suo coach Ivan Lendl dovrà lavorare molto. I colpi non mancano al tennista scozzese, ma è evidente che non ha ancora dimostrato di poter allargare il club dei Magnifici 3 - Federer, Djokovic e Nadal –.

Rispetto al suo avversario, Nadal è sicuramente in un mondo diverso. 46 tornei incamerati, di cui 10 prove del Grande Slam. Non vince però un torneo dal Roland Garros 2011. A parte la finale di Tokyo dello scorso ottobre persa con Murray, nelle altre sette finali è sempre stato sconfitto da Novak Djokovic, incluso l’Australian Open 2012. Lo spagnolo potrà anche dire che non ci pensa più di tanto, ma che un fatto è chiaro a tutti. Per tornare il leader del tennis mondiale, Nadal deve ricominciare a battere Djokovic, Murray permettendo s’intende.

ATP  Sony Ericsson Open – Quarterfinals

[1] N Djokovic (SRB) d [5] D Ferrer (ESP) 62 76(1)
[21] J Monaco (ARG) d [8] M Fish (USA) 61 63
[4] A Murray (GBR) d [9] J Tipsarevic (SRB) 46 63 64
[2] R Nadal (ESP) d [6] J Tsonga (FRA) 62 57 64

ATP Miami © Sony Ericsson Open  
ATP Miami, Novak Djokovic © Sony Ericsson Open  
ATP Miami, Novak Djokovic © Sony Ericsson Open  
ATP Miami, Novak Djokovic © Sony Ericsson Open  
ATP Miami, Juan Monaco © Sony Ericsson Open  

Nessun commento:

Posta un commento